• CA

Cosa c'è da sapere sulla guida in stato di ebbrezza

EPISODIO 2

L'accertamento del superamento del tasso alcolemico avviene, nell'immediatezza, attraverso un esame strumentale svolto con l'etilometro. Al soggetto sottoposto ad accertamento è richiesto di espirare e l'apparecchio è in grado di misurare la quantità di alcol ingerita attraverso la misurazione della quantità di alcol presente nell'aria. L'accertamento mediante etilometro viene ripetuto due volte a distanza di cinque minuti l'una dall'altra.

 

Attenzione però!

La giurisprudenza ha riconosciuto, in determinati casi, la legittimità di un accertamento immediato della condizione di ebbrezza del conducente di un veicolo anche attraverso la valutazione di uno o più indici sintomatici,

quali l'irascibilità, l'incapacità di deambulare o

di farlo in maniera coordinata, l'incapacità di parlare, etc.


Quali sono i valori alcolemici da non superare?

Lo stato di ebbrezza, può avere rilievo meramente amministrativo con conseguente applicazione di una sanzione amministrativa quando viene accertato che il conducente che si è posto alla guida presenta un tasso alcolemico compreso tra lo 0,51 e lo 0,8 g/l. Trattasi ovviamente della ipotesi meno grave e quindi sanzionata solo con una multa dal nostro ordinamento.

Le norme non contemplano l'alterazione psicofisica derivante dall'assunzione di sostanze diverse dall'alcol, sia che si tratti di medicinali che di sostanze stupefacenti. Questa ipotesi, chiaramente non è priva di conseguenze sul piano legale, ma è punita autonomamente come reato

dall'articolo 187 del Codice della strada.



Approfondisci l'argomento a questo LINK

oppure richiedi informazioni ai nostri consulenti

cliccando il pulsante QUI sotto.


INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI

9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti