top of page
  • Immagine del redattoreCA

La Rita...sai cos'è? È una tua Zia? Forse sì.


È uno strumento che ti da la possibilità di andare in Pensione

5 o addirittura 10 anni prima

 

Il Presupposto è quello di attivare un Piano Individuale Pensionistico (PIP), confezionato in un prodotto di investimento assicurativo. Il PIP è rivolto a tutti coloro che desiderano destinare parte del loro reddito alla costituzione di una pensione complementare, comprese le persone fiscalmente a carico di altri soggetti.


Potrai usufruire di significativi vantaggi fiscali IMMEDIATI

DETRAZIONE Aliquota IRPEF Marginale nel 2023

Ecco un esempio di risparmio fiscale ipotizzando un versamento pari a € 5.164,27, il massimo consentito dalla legge:

  • Reddito € 25.000 = € 5.164,57 > 25% = € 1.291

  • Reddito € 35.000 = € 5.164,57 > 35% = € 1.807

  • Reddito € 60.000 = € 5.164,57 > 43% = € 2.220

* Risparmio fiscale "immediato" dato dalla deducibiliotà dei contributi versati (escluso il TFR, che non si deduce) nel caso di contribuzione pari al massimo deducibile (€ 5.164,57)

** Non considerato il risparmio sulle addizionali regionali/comunali DA AGGIUNGERE.


Qual'è l'obiettivo di un PIP?

Potrai mantenere inalterato il tuo tenore di vita una volta raggiunta l’età pensionabile, ovvero colmare o ridurre il “gap” tra la pensione pubblica e il reddito che sei abituato a percepire.



PRIMA IPOTESI
  • Raggiungimento età anagrafica per pensione di vecchiaia nel regime obbligatorio entro 5 anni

  • Cessazione attività lavorativa

  • Almeno 5 anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari

  • Possesso di almeno 20 anni di contributi nella previdenza obbligatoria

SECONDA IPOTESI
  • Raggiungimento età anagrafica per pensione di vecchiaia nel regime obbligatorio entro 10 anni

  • Cessazione attività lavorativa

  • Inoccupazione da almeno 24 mesi dopo la cessazione dell'attività lavorativa

  • Almeno 5 anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari

Facciamo un esempio

  1. A Mario Rossi mancano 2 anni e 6 mesi all’età prevista per il pensionamento di vecchiaia INPS

  2. Mario rimane senza lavoro (ipotesi negativa) o, semplicemente, è «stufo» di lavorare e vorrebbe dedicarsi ai suoi hobby (ipotesi positiva)

  3. Nel tempo, Mario ha maturato nella sua previdenza integrativa un montante di 90.000 euro, utile un domani a integrare la sua pensione

  4. Cos’è il montante? È il frutto di quanto accantonato nel tempo più gli interessi maturati nel PIP

Con la R.I.T.A. Mario potrà decidere per esempio:

  1. Di farsi erogare tutti i 90.000 Euro nell'arco di 30 mesi (ossia entro il percepimento della pensione INPS), con un assegno mensile lordo di 3.000 euro al mese.

  2. Di farsi erogare la metà del montante R.I.T.A.: nell'arco dei 30 mesi (1.500 euro al mese).


Chiedi subito una consulenza

Per saperne di più scrivi un whatsapp

346.1336951

oppure scrivi una mail a:
info@consulenzeassicurative.com


32 visualizzazioni0 commenti

Komentarze


bottom of page